Kutir scuola Akhanda

Piccolo Ashram

Kutir significa in sanscrito: Piccolo Ashram, è un nome che è stato coniato nel 2006 da Piero “Pranav” Casanova e il suo maestro Yogrishi Vishvketu, un piccolo Ashram che possiamo intendere come pertinenza o succursale di uno maggiore: l’Anand Prakash Yoga Ashram a Rishikesh, sede della formazione Himalayana dell’Akhanda Yoga.

Akhanda – Yoga Alliance

Kutir scuola di yoga è regolarmente registrata con Yoga Alliance, nella formazione insegnanti.

Filosofia dei corsi Kutir

Con oltre 6000 ore di insegnamento dal 2005, Piero Casanova – “Pranav” fondatore della scuola Kutir, importa e traduce lo spirito dello yoga Himalayano di Rishikesh, sul Gange,  capitale mondiale dello yoga  rappresentando per l’Italia l’Akhanda Yoga, stile creato da Yogrishi Vishvketu, una figura di spicco nel panorama internazionale dello Yoga.

Attraverso una attenta ricerca scientifica da tradizione Goraknath, i viaggi in India dal 1994 e l’ispirazione dal suo maestro, cerca semplicemente di replicare ciò che apprende, la sua missione è di rendere comprensibile a tutti che lo Yoga è la tecnologia dell’anima attraverso un approccio playful, blissufull, joyful expandable così come viene ripetuto nei corsi indiani di Akhanda Yoga.

Buonumore

Coltivare il benessere fisico, psichico e spirituale con un approccio evasivo. I grandi maestri di Yoga e meditazione, Shivananda, Paramhamsa Yogananda, Osho, Deepak Chopra hanno un elemento fondamentale in comune: Buonumore e senso dell’umorismo. Allenare anche la mente, e non solo il corpo, è la via che permette di raggiungere uno stato di benessere ideale. Nello yoga, la pratica che consente di integrare mente e corpo è la consapevolezza del respiro.

Consapevolezza del respiro

Esperienza del Prana e del Respiro. Il lavoro sulle sequenze e sul respiro è mirato, nella filosofia di Arte della Sequenza, a condurre il praticante a fare esperienza del Prana, l’energia fondamentale, che si manifesta in modo eminente nel soffio, nel respiro. Lo scopo è condurre relativamente presto alla sperimentazione di uno stato mentale aperto, rilassato, attento, non-reattivo, cioè uno stato mentale yogico, che permette di percepire tangibilmente l’importante significato dell’energia vitale.

Galleria Fotografica.

Corpo Insegnanti

Kutir ASD in quanto espressione italiana di Akhanda Yoga, conduce, accompagna e sostiente gli allievi attraverso il proprio percorso yogico. Motivandoli attraverso una progressiva e articolata  tipologia dei corsi che ha come naturale compimento la Formazione per insegnanti.

Tipologia dei corsi

Come in India – Lezioni Multilivello

Nella scuola di Yoga Kutir, come nelle scuole indiane himalayane e negli Ashram, non si osserva distinzione fra allievi principianti, intermedi o avanzati. Tuttavia per avvicinarsi alle esigenze dei corsi occidentali, le sequenze Akhanda possono essere diverse, in riferimento a:

  1. grado di preparazione;
  2. condizioni ambientali (clima o eventi che coinvolgono gli allievi);
  3. motivazione personale degli allievi

Il metodo Akhanda include molte sequenze che mutano a seconda delle necessità; in questa sede annoveriamo quelle che compaiono nel Calendario degli orari.

Le quotidiane pratiche Akhanda si ispireranno alle tematiche sviscerate nel corso propedeutico di Arte della Sequenza e in quello di approfondimento e abilitazione di Formazione Insegnanti YTT.

L’intero percorso Akhanda promossonella scuola Kutir ASD è così suddiviso:

1) PRINCIPIANTI

Ideale per principianti, il percorso di avviamento che non preclude la partecipazione a Arte della Sequenza.

Lezioni che offrono una moderata sequenza delle posizioni più familiari e accessibili e delle tecniche di respirazione e possono essere praticate da tutti, sia da studenti agli inizi che praticanti assidui. Le classi introducono i principi fondamentali di allineamento, respiro, suono, pensiero yogico e rilassamento. Lo studente otterrà gli strumenti utili a muoversi con maggiore facilità e all’uso corretto del respiro per elevare e calmare tutto il sistema fisiologico.

Corso Condotto da Francesca Conati.

2) MULTILIVELLO

Per tutti (anche principianti). Scopo di queste lezioni e della formazione nel suo complesso è portare l’allievo ad un ruolo attivo e creativo della propria pratica; l’allievo che seguirà le pratiche serali e gli approfondimenti sarà in grado, alla fine dell’anno, di creare con cognizione di causa la propria sequenza yoga.  Per approfondire: Arte della Sequenza

È stato progettato per ispirare gli studenti intermedi attraverso una più dinamica asana, pranayama, mantra e meditazioni più lunghe. Queste tecniche funzionano sinergicamente per approfondire l’esplorazione della connessione corpo / mente, rimuovere blocchi emotivi e i pensieri inutili. Questa pratica apporta immediati benefici:

  1. aumentando la consapevolezza energetica;
  2. equilibrando ed espandendo il flusso di prana;
  3. stimolando la vitalità fisica;
  4. favorendo l’isorgere di uno stato di calma e rilassatezza;
  5. promuovendo l’aumento delle difese immunitarie;
  6. calibrando l’allineamento posturale;
  7. sollecitando la concentrazione;
  8. incentivando l’ottimismo in funzione antidepressiva.

Corso condotto da Piero “Pranav” Casanova.

3) FLOW 2 (lezioni integrate nell’approfondimento di Formazione Insegnanti)

Non rivolto ai principianti.

Formazione Insegnanti – Yoga Teacher Training

L’Hatha Yoga è una disciplina del lignaggio tantrico, in cui sostanzialmente il corpo-respiro è il ponte su cui la mente viene fatta transitare per auto-assorbirsi. Se chiudendo gli occhi per meditare, ci focalizziamo anzitutto sul respiro che muove il corpo, allora il nostro lignaggio yogico è certamente l’Hatha.

Un pratica hatha avanzata si sviluppa coerentemente con i principi di ADS, e comprende:

  • posizioni biomeccanicamente complesse, che richiedono forza e flessibilità, insieme ad un grado elevato di propriocezione del corpo
  • posizioni intermedie, praticate tuttavia in modo avanzato attraverso un vinyasa sistematico, e l’attivazione di alcuni punti interni del corpo (bhanda)
  • posizioni tenute senza sforzo per un tempo progressivamente maggiore
  • uso sistematico della respirazione ujjai
  • transizioni dinamiche da una posizione all’altra

Nello stile Akhanda, l’hatha avanzato assume la forma di una danza con la forza di gravità eseguita con il buon uomo, al suono vittorioso del respiro.

Corso condotto da Federico Gagan.

4) ARTE DELLA SEQUENZA

*rimandiamo alla pagina appositamente dedicata.

5) FORMAZIONE INSEGNANTI – TEACHER TRAINING

*rimandiamo alla pagina appositamente dedicata.